C.R.T. MAGAZINE, di oggi 09 luglio 2019, scienza, spazio, video, spaceweather…

Latest Message: 6 days, 2 hours ago
  • ISØAGY Ampelio Jose : Complimenti sempre all'avanguardia...
  • Mister_X : La propagazio di oggi è nulla quanto dura sta situazione brutta?
  • Night Vampire : Belli i video che mettete su queste pagine. Complimenti dal Night Vampire
  • Night Vampire : Oggi propagazione alla grande, sentivo John 59+50. Mi dici con quanta potenza vai??
  • LY2XJ : La pesima propagazione di questi giorni non colabora per ottenere i qso interesanti. Non vi sembra anche a voi stessi?
  • KIRKO 448 : L'idea di un gruppo serio per i PMR è quello che vado pensando da tanto, sarebbe bello con propie sigle e magari un bel diploma di benvenuto e un diploma permanente da poter fare collegando altre stazioni, facenti parte del gruppo. Pensateci
  • Anonimo : Seguo tutti i giorni con molto interesse questa rubrica di un certo tipo di attualità. Continuate cosi che mi piace voto 10+
  • PMR FRIEND : Avevo scritto se era possibile dare dello spazio anche a noi che usiamo i PMR magari con un piccolo diploma permanente, sarebbe il mio sogno... Grazie da Lorenzo
  • PMR FRIEND : Ciao non scrive...
  • Stefano : Qui a Rieti non si è sentita e Tivoli si è sentita percepita molto bene, cosi a titolo di informazione. Poi c'è stata pure una scossa strumentale ma non si è sentita pare di magnetudo 1.4. Buona notte... forse
  • Antonio : Scrivo da Colonna di Roma, io credo che sia stata piu potente di 3.7 della scala rikter, ho avuto uno spavento che ho deciso di passare la notte nel giardino di casa, in una tendina da mare, io mia moglie e anche Toby il nostro cane spaventatissimo. Speriamo bene. Tenda vicino pure per i regazzini c
  • MARCO : Saluti da Bari, siete gli unici a dare il servizio giornaliero sullo spaceweather e la propagazione. Grazie e continuate cosi. Buona giornata Marco da Bari.
  • FREDDY : Allora come butta con sta propagazione sui 50Mhz? Io non ho una gran posizione, ma quest'anno non è tanto buona, o sbaglio? Buona sera da Nuova York
  • IQ6KX : Buongiorno a tutti e buon inizio settimana, ci sentiamo in serata con Michael Collins per il Diploma Astronauti del Mondo. Ciao 73, 99 e viva il Lupo
  • The Admin : Ciao, se vuoi lascia un breve commento, max 300 cartteri...

SPACEWEATHER (08 LUGLIO 2019) —  Sul Sole una nuova regione attiva e fa parte del 25° ciclo, il nuovo ciclo solare si chiama AR2744 e possiede 12 macchie solari. il vento solare segna 311km(sec ed è sempre prevista una tempesta geomagnetica a kp5/G1 per domani 9 giugno. La radiazione resta al minimo di 67sfu, probabile domani in leggero aumento. La propgazione un mezzo disastro, un disastro totale in 40m sia in fonia sia in FT8 non è presente lo skip corto, al contrario di ieri che lo skip corto scendeva sotto i 100km con segnali discreti. Voto sulla propagazione di oggi 2, Anche le bande alte regalano poco con uno scialbo E-sporadico alle ore 13.

C.R.T. MAGAZINE —  Info whatsApp 340.666.74.51 

 E’ possibile donare anche con bonifico bancario, PostePay,
POSTEPAY P2P,Hype, N26, Circle Pay, Satispay e
altre info clicca qui

ALLERTA METEO — 7 REGIONI INTERESSATE —  Allerta Meteo, per le piogge e i temporali previsti nelle prossime ora al Centro-Nord la Protezione Civile ha emesso un’allerta gialla in sette regioni: Lombardia, Provincia Autonoma di Trento, Veneto, Emilia-Romagna, Marche, su gran parte del Piemonte e sull’estremo settore settentrionale della Toscana. Una vasta perturbazione, infatti, è presente su gran parte dell’Europa centro-orientale e favorirà domani sulle regioni settentrionali una nuova fase di maltempo anche di forte intensità. A seguire, dalla serata di domani, e in particolare nella giornata di mercoledì, una nuova perturbazione, proveniente dal Mediterraneo occidentale, determinerà un peggioramento delle condizioni meteorologiche anche sulle regioni centrali peninsulari.
I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Mettete al coperto i vostri animali!!

ASTROFISICA — Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, dopo le ricerche che lo indicano come una cometa, uno studio dimostra in modo inequivocabile che il misterioso intruso del Sistema Solare Oumuamua non è una astronave aliena
Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, dopo le ricerche che lo indicano come una cometa, una nuova analisi dimostra in modo inequivocabile che il misterioso intruso del Sistema Solare Oumuamua non è una astronave aliena. Pubblicato sulla rivista Nature Astronomy, lo studio si deve ai ricercatori guidati da Matthew Knight, dell’Università americana del Maryland.
I primi dati sulle “strane caratteristiche” di Oumuamua, come l’anomala accelerazione e l’insolita traiettoria, avevano indotto alcuni ricercatori a ipotizzare che si trattasse di un oggetto artificiale, come un veicolo mandato da un’altra civiltà. Ma la ricerca, basata sull’analisi degli studi precedenti, suggerisce fortemente che Oumuamua abbia un’origine puramente naturale. “Non abbiamo mai visto nulla di simile a ‘Oumuamua nel nostro Sistema Solare” ha detto Knight. Per esempio la sua forma allungata simile a un sigaro. Tuttavia, ha aggiunto “l’ipotesi del veicolo spaziale alieno è un’idea divertente, ma suggeriamo che esistono molti fenomeni naturali che potrebbero spiegarlo”, a partire dal colore rosso scuro, simile a molti piccoli oggetti osservati nel nostro sistema planetario. Oumuamua ha inoltre accelerato lungo la sua traiettoria, in modo simile a come fanno le comete e per questo l’ipotesi prevalente è che si tratti di una cometa aliena. Ma il ricercatore ammette che non sono state trovate le prove di emissioni gassose che tipicamente creano questa accelerazione: “non c’è – ha detto – una chioma di polvere e gas che circonda le comete attive, né una coda di polvere o getti di gas”.
Secondo i ricercatori l’oggetto potrebbe essere stato espulso dalla forza di gravità di un pianeta gigante in orbita attorno a un’altra stella. Inoltre non vedono l’ora di utilizzare il telescopio Large Synoptic Survey Telescope (LSST), che dovrebbe essere operativo nel 2022, presso l’Osservatorio di Cerro Pachón in Cile, per cercare altri visitatori del Sistema Solare in modo da comprendere meglio anche l’identità di Oumuamua.

ASTRONAUTICA — Prende ufficialmente il via “Project Kuiper” di Amazon. La società di Jeff Bezos, fresca di 25esimo compleanno, ha annunciato che intende lanciare nello spazio 3.236 satelliti. I legali hanno infatti chiesto alla Federal Communication Commission l’approvazione della costellazione e l’utilizzo delle frequenze.
Nella documentazione depositata lo scorso 4 Luglio si legge che i satelliti saranno posizionati ad altezze comprese tra 590 e 630 chilometri, allo scopo di offrire connettività a banda larga nelle zone rurali difficili da raggiungere.
Kuiper offrirà anche “servizi di connettività a banda larga mobile ad alta velocità per aeromobili, navi marittime e veicoli terrestri”. I più informati fanno sapere che è improbabile che la richiesta venga respinta, soprattutto se si conta che ci sono ancora 21 milioni di americani privi di banda ultra larga fissa e residenziale, e 33 milioni che non hanno accesso ad un servizio di connettività da cellulare veloce.
Nel documento non si fa alcun riferimento a chi potrebbe essere affidato l’assemblaggio dei satelliti, mentre è probabile che Bezos utilizzi la sua flotta di razzi della società Blue Origin per mandarli in orbita.
Il progetto è molto simile a Starlink di Elon Musk, nonostante la quantità di satelliti inferiore. L’imprenditore sudafricano infatti punta ad inviarne in orbita 12.000, con i primi 60 già in orbita.

Quando mi chiedono se sono animalista io rispondo: “No…sono normale, sono semplicemente come tutte le persone dovrebbero essere. Esistono forse i “bambinisti” ? No, perché è normale amare e proteggere i bambini. Come è normale amare e proteggere gli animali, perchè sono più deboli e non possono difendersi da soli”. – W. Bond

TERREMOTO — Una forte scossa di terremoto magnitudo 5.7 è stata registrata alle 07:00 UTC dall’Istituto geofisico statunitense USGS nelle vicinanze della città petrolifera di Masjid Soleiman, nel sudovest dell’Iran, a circa 450 chilometri da Teheran. “Una persona è rimasta uccisa e altre 20 sono state ferite nel terremoto. L’Iran è attraversato da diverse faglie sismiche e i terremoti sono molto frequenti.